Rivista di musica, cultura, arte e tutto l'universo oscuro

 

THE ISLAND
Regia: Michael Bay
Cast: Ewan McGregor, Djimon Hounsou, Ethan Phillips, Sean Bean, Michael C. Duncan
Genere: Fantascienza
Anno e Nazione: 2005 - USA


testo by Babi Rocks
Il nuovo film diretto da Michael Bay Ŕ una storia fantascientifica, nemmeno troppo originale, che narra la fuga di due cloni che, invece di essere utilizzati per sostituire gli organi dei loro originali, vengono a sapere quale sarebbe il loro orrendo destino ed insieme riescono a scappare in questo posto mitico che loro conoscono come "The island" appunto.
Una sorta di metafora sulla societÓ, su come si racconti (le autoritÓ e la chiesa per esempio) di un posto meraviglioso che ci attende ad un certo punto della nostra vit
a, mentre in realtÓ Ŕ solo morte. Una volta che i due cloni scoprono che verranno utilizzati per l'espianto di organi, riescono a scappare dal centro in cui si trovano, arrivando al mondo reale, tanto da rintracciare casualmente persino l'originale di uno di loro (lo splendido e sempre bellissimo Ewan McGregor). I due tornano al centro di clonazione per liberare tutti gli altri cloni. Qui non vi svelo il finale a sorpresa, posso solo dirvi che, mentre soprattutto il primo tempo Ŕ molto contorto e quasi si fa fatica a seguire la trama e ad unire i tasselli, delineandosi chiaramente solo a metÓ film, gli ultimi cinque minuti sono liberatori e danno un gran senso di serenitÓ allo spettatore.
Questo Ŕ proprio il difetto, se vogliamo, del lungometraggio : se il messaggio (della libertÓ individuale e del diritto di decidere del proprio destino) Ŕ valido e comunque arriva chiaro allo spettatore, ci sono troppi effetti speciali, violenza e mancanza di linearitÓ soprattutto nell'inizio del film, segnale che il cinema americano punta sempre pi¨ su un effetto videogioco che non su una trama dal significato critico e, perchŔ no, democratico.

 

 

 

Copyright Rosa Selvaggia