Rivista di musica, cultura, arte e tutto l'universo oscuro


MIRASPINOSA, 26 Marzo 2003 , Banale, Padova

Circolo arci BANALE il locale forse pi¨ noto di Padova che ospita e ha ospitato diversi concerti jazz-pop-rock... manifestazioni , feste universitarie e che ha uno dei palchi pi¨ belli e pi¨ grandi che abbia mai visto . Stasera vi suoneranno gratuitamente i Miraspinosa gruppo proveniente da Mira (VE) del quale avevo perso le tracce ancora nel lontano '97-'98 periodo in cui uscý il loro disco d'esordio "AghÓr PiÓr Milegha" per il C.P.I.(se non mi ricordo male consorzio produttori indipendenti) la cui uscita fu accompagnata da diverse date live di cui alcune anche con estAsia (qualcuno se le ricorda???) nell'ambito del progetto "Matrilineare". Si ametto la mia ignoranza nello scoprire che in questi anni hanno pubblicato altri due dischi (l'ultimo Ŕ appena uscito) ,per˛ questo non fa altro che aumentare la mia curiositÓ ed aspettativa nel sentire un sound diverso da quello sentito 5 anni fa. Un'ora ed un quarto di electro - emozioni sicuramente vicine a sonoritÓ ed artisti della GO BEAT! fra tutti Lamb e Porthished , il tutto mescolato ad un personalissimo tocco languido e triste molto Deadcandensiano , una sorta quindi trip-hop malinconico colorato ed elegante . La chitarra di P.Enzo , che mai prevarica, arpeggia e danza delicata tra i bass-groove semplici lineari ma efficaci e caldi di A.Spinetti mentre F.D'Este con tastiere , campioni , synth e basi costruisce la vera anima electro - decadente - ipnotica di ogni canzone mettendo Mirka Valente nella condizione di animare e restituire energia . Canzoni in italiano ed in inglese che mi danno la sensazione di essere coccolato , abbracciato ed accarezzato ma nello stesso tempo ferito proprio da quei sentimenti cosý dolci che hanno provocato un pianto delicato e felice pieno di ricordi . Nel complesso mai noiosi semmai a volte un po' statici ma comunque bravi a tenere sempre viva l'attenzione di un pubblico discretamente numeroso e soprattutto partecipe e caloroso. (testo e foto NOCTILUCA)

indietro

 

Copyright Rosa Selvaggia